BEI RISVEGLI | COD. 20N08

BEI RISVEGLI | COD. 20N08

Venditore
Altromercato
Prezzo di listino
€20,20
Prezzo scontato
€20,20
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Una scelta giusta per regalare eccellenze uniche, che rispettano la terra e le persone. Per augurare buon giorno e buone feste.

  • Biscotti semintegrali con riso e avena, con miele d'ulmo 300g
  • Biscotti con gocce di cioccolato - 300 g
  • Mix di semi e granella di anacardi - bio - 150 g
  • Nettare di mirtillo con solo zuccheri dalla frutta Bosnia - bio - 200ml
  • Caffè miscela Classica macinato Moka - 250 g
  • Cacao solubile Equik - bio - 300g
  • in sacchetto lavorato a mano dal Bangladesh

    CHI NE BENEFICIA:
    TANTI PRODUTTORI . ALCUNI ESEMPI SIGNIFICATIVI

    CONACADO ISOLA DOMENICANA Conacado rappresenta un caso esemplare di organizzazione che riesce a ritagliarsi un ruolo centrale nella filiera del cacao fair trade e biologico, migliorando sensibilmente le condizioni di vita dei contadini dominicani.

    ACPCU UGANDA Nella regione di Ankole, in Uganda, si coltiva caffè biologico a 1.600 metri, su un terreno vulcanico che garantisce un’ottima qualità e un aroma eccellente. Come ai tempi del leggendario re Ndahupa, i contadini soci di ACPCU curano ogni ciliegia di caffè, che dà loro la possibilità di vivere con dignità e mandare a scuola i figli.

    INSIEME  BOSNIA Donne, Lamponi e Pace. Sono le tre parole che accomunano la storia di una cooperativa agricola nata nel 2003 a Bratunac, nel territorio di Srebrenica, una delle zone dove la guerra in Bosnia del '92-'95 ha mostrato uno dei suoi volti più feroci.
    Un luogo della Bosnia orientale, sulla riva occidentale della Drina e al confine con la Serbia, dove invece oggi donne - un tempo profughe o sfollate – sono tornate a vivere e coltivano gomito a gomito frutti di bosco.
    Si tratta di un progetto di riconciliazione al femminile: donne che attraverso il lavoro e superando le divisioni etno-nazionali imposte dalla guerra hanno cominciato a parlarsi, ascoltarsi reciprocamente, accogliere il dolore dell'altro senza rinchiudersi nel proprio.