MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE  | COD AGA06A0001
MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE  | COD AGA06A0001
MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE  | COD AGA06A0001
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE  | COD AGA06A0001
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE  | COD AGA06A0001
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE  | COD AGA06A0001

MAGLIA BASURA IN ALPACA MULTICOLORE | COD AGA06A0001

Venditore
Ad Gentes
Prezzo di listino
€150,00
Prezzo scontato
€150,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Maglia Basura in calda lana di alpaca

  • Multicolore con gradazioni rosso-arancio  in stile basura.


Basura, che  in spagnolo significa "immondizia", è diventata  una linea originale creata con le rimanenze di fili di intere produzioni, fili che altrimenti verrebbero gettati.  Un'esempio di riciclo e di ecofashion.


Il filato che si ricava dal vello dell’alpaca è considerato di pregio. Noto per la sua morbidezza al tatto che lo rende piacevolmente soffice, ma anche per la leggerezza, finezza, lucentezza, le caratteristiche termiche – è calidissima – e la resistenza della fibra.
L'alpaca arriva dagli altopiani boliviani ed è lavorata artigianalmente dalle donne di Asarbobolsem

 

Asarbolsem - Bolivia

L’Asociacion Artesanal Boliviana Senor de Mayo è un'organizzazione democratica autogestita che oggi impiega stabilmente 59 artigiani provenienti dai gruppi etnici Aymarà e Quechua sparsi su tutto il territorio boliviano. Il suo fine è promuovere la dignità delle donne boliviane, che costituiscono il 95% dei membri dell’associazione., spesso lasciate sole con i figli da mariti che non tornano più.
In una società in espansione come quella boliviana, il ruolo delle donne è cruciale: se non vengono lasciate sole, diventano motore di sviluppo sociale.

A dimostrarlo è l’origine stessa di Asarbolsem, nata dall'esperienza dell'attuale Presidente  Antonia, che ha vissuto personalmente la situazione e ha pensato di aggregare e aiutare altre donne in difficoltà, ripartendo dalla tradizione andina del lavoro a maglia e tessitura.