SAPONE PALESTINA ARGILLA VERDE | COD. 10000156

SAPONE PALESTINA ARGILLA VERDE | COD. 10000156

Venditore
Altromercato
Prezzo di listino
€6,50
Prezzo scontato
€6,50
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Sapone artigianale palestinese corpo e mani – Rinfrescante – argilla verde, menta, olio d’oliva e karité

  • Cremosità e piacevolezza del burro di karité
  • Argilla verde che purifica delicatamente
  • Note fresche e profumate dell’olio essenziale di menta

Dalla texture morbida e delicata questo sapone sprigiona tutta la freschezza dell’olio essenziale puro di menta spicata, dalle proprietà antimicrobiche e tonificanti

AOWA – PALESTINA

Persone coinvolte: circa 900 donne

Immersa in un contesto di guerra e di forte tensione sociale e instabilità, AOWA sostiene iniziative che promuovono un ruolo attivo della donna nella società in cui è inserita, con particolare riferimento alla vita pubblica, e nelle zone rurali, al fine di ridurne la povertà.

Nasce nel 1994 da un gruppo di donne palestinesi attiviste della Palestinians Federation of Women’s Action (PFWA). La filosofia di PFWA sosteneva una società civile non–violenta e proprio in quest’ottica diede vita a organizzazioni locali a Nablus, Gaza, Ramallah, Hebron, Jenin e Tulkarem con l’idea che nel tempo le donne presenti in questi territori avrebbero potuto decidere loro stesse le attività da svolgere.

Com’è oggi: Attraverso i suoi progetti sociali e le relazioni economiche costruite negli anni, oggi AOWA permette alle donne palestinesi di integrare il loro reddito al fine di sostenere le proprie famiglie. Nell’estrema difficoltà della realtà che vive il popolo palestinese, AOWA rappresenta non solo un’associazione rivolta ai soggetti più deboli ma anche, e soprattutto, un’attività che si propone di ricostruire la struttura sociale.

Cosa crea/produce:  AOWA, inizialmente, produceva sapone naturale (shahad, sabon natural) fatto soltanto con olio di oliva, acqua e soda bolliti al fuoco, e lasciato poi asciugare per due giorni. Il sapone veniva prodotto in varie aree per il bisogno d’uso e per la vendita nel villaggio a scopo di aiuto all’auto sostentamento.
Oggi, grazie a diversi progetti di cooperazione internazionale, alcuni molto recenti, le donne hanno imparato a produrre saponi con materie prime più complesse e usando oli essenziali.